4 Mag, Torino-La Signora del Cosmo e i simboli di bellezza femminile. Conferenza con Luisella Veroli

 

durante-newroz

La Signora del Cosmo e i Simboli di Bellezza Femminile

Conferenza con Luisella Veroli
 
 4 Maggio 2018, H. 20.30
Torino

 

“Le nostre antenate inventarono una commovente varietà di astuzie per educare i compagni ad abbandonare l’istinto predatorio, l’impulso a distruggere ciò che non si può sottomettere né divinizzare. Modellando statuette, dipingendo, ornando, ungendo e profumando se stessa e le sacre pietre della dea, la femmina imparava a diventare donna, iniziatrice di una civiltà intesa come rispetto del corpo e del cosmo.” (Luisella Veroli in Dal Cosmo alla cosmesi – La divina seduzione e l’arte del trucco dalla Preistoria al futuro)

 

In questo incontro, Luisella Veroli, libera ricercatrice in archeo-mitologia,  di ritorno dai  suoi  straordinari “scavi” in Turchia e Kurdistan ci illustrerà  le sue ultime scoperte. Ci farà inoltre partecipi in anteprima dello suo studio in corso d’opera presso un oratorio siciliano del 1600 decorato con statue esclusivamente femminili che rappresentano, oltre la madonna e dodici apostole in abiti di gala, altri archetipi della spiritualità femminile.   

Perché le donne sono creatrici e portatrici di bellezza? In che modo questa prerogativa ha agito nei processi di evoluzione umana? Quali sono le dee che hanno incarnato la Signora del Cosmo? Alcuni degli interrogativi a cui la studiosa tenterà di dare risposta facendo dialogare mondo arcaico e contemporaneità.

brassempouy

INFO E PRENOTAZIONI

MAIL: scrivere QUI

 (per favore inserite un indirizzo email corretto, se no sarà impossibile rispondervi)

 

LUOGO:

Saremo ospiti dell’ associazione ASAI, via Sant’Anselmo 27/e. Torino

 

CONTRIBUTO

CONTRIBUTO LIBERO, CONSIGLIATO 5 Euro.

Per partecipare è necessaria la prenotazione via mail.

 

SCADENZA ISCRIZIONI 24 Aprile 2018

*******************************

Luisella Veroli, è autrice di “Prima di Eva – Sui sentieri dei luoghi di culto della Grande Dea” ( 2000 e 2010)e curatrice scientifica dell’omonima mostra di oggetti di culto della Grande Dea nell’arte preistorica. Prima biografa di Alda Merini, ne ha curato “Reato di vitaAutobiografia  e poesia” (1994 e 2009). In Alda Merini “Ridevamo come Matte” (2011), da cui è stato tratto uno spettacolo teatrale, racconta del suo intenso e creativo rapporto con la poetessa. Nel 2016 ha pubblicato il suo ultimo testo “Dal Cosmo alla Cosmesi“.